Bagno padronale 2019-04-08T14:09:48+00:00

Ristrutturazione bagno padronale: rendilo un ambiente confortevole ed accogliente

Bagno padronale con grande vasca ad incastro con finiture in legno, piattto doccia, sanitari filoparete e grande lavabo squadrato e specchio.

 

Il bagno padronale è il bagno principale di casa. Quello più intimo e privato, oltre ad essere l’ambiente in cui si concentra maggior attenzione in termini di comfort e stile.

 

Il tuo bagno padronale ha bisogno di una ristrutturazione? Scopri come ristrutturare al meglio.

 

Il bagno padronale e dove si trova?

 

Dettaglio di un lavabo in marmo del bagno padronale con doppio specchio e rubinetteria in acciaio lucido.Solitamente è collocato vicino la zona notte, se non direttamente connesso alla camera da letto, a differenza del bagno di servizio.

Non necessariamente il bagno padronale deve disporre di grandi metrature, anche se, per come fu concepito originariamente, occupava ampi spazi di casa ed era a tutti gli effetti una camera di grandi dimensioni.
Si tratta del luogo più privato dell’ abitazione nel quale, indipendentemente dalle dimensioni, si presta maggiore attenzione alle finiture, per la ricerca del comfort e dell’ espressione di se stessi.

L’attenzione alle finiture, la ricerca del comfort e la creazione di un luogo dedito alla cura del corpo sono le basi per poter dare vita al bagno più intimo di casa, il bagno padronale appunto.

 

L’importanza del comfort e del design

 

Al fine di ampliare la percezione degli spazi, si può mettere ancor più in risalto il fattore lunghezza attraverso particolari decorazioni che vadano ad attraversare il bagno in tutta la sua lunghezza. Scegliere lavabi di forma rettangolare, quindi stretti e lunghi come l’ambiente, contribuirà ad allungare maggiormente lo spazio visivo.

E’ fondamentale anche la collocazione dei sanitari ed, in particolare, della doccia o della vasca.

Di solito la doccia viene collocata sulla parete di fondo così da avere un’ ampia superficie a disposizione. Si consiglia di utilizzare pannelli in vetro al fine di non rimpicciolire ulteriormente la percezione dello spazio.

Non dimenticate di ottimizzare ripiani e cassetti creando magari mobiletti che occupino buona parte della lunghezza del bagno o che ne sfruttino l’altezza.

 

In questa tipologia di bagno è molto importante curare sia l’estetica sia la comodità finalizzata al relax, scegliendo un piatto doccia di grandi dimensioni completo di box o anche una vasca idromassaggio. Ne esistono tre tipologie diverse, che si adattano a seconda dello spazio disponibile e dello stile del bagno.

  1. La freestanding, da posizionare a centro stanza o in una zona ariosa del bagno, è solitamente extra size ed evoca gli antichi riti del benessere. Talvolta in linea rètro con i piedini, è realizzata anche in forme geometriche e lineari e personalizzabili, installate raso pavimento.
  2. Ad incasso, prodotta in tante misure standard e con forme differenti (rettangolari, ad angolo, tonde, semitonde, esagonali) si installa nella muratura e si può rivestire come la parete o con finiture e piastrelle a contrasto.
  3. Con e senza pannelli. Se ad idromassaggio, i pannelli sono d’obbligo perché contengono i meccanismi. Ma le cornici possono avere funzione pratica, ad esempio attrezzate con mensole per saponi ed asciugamani, oppure esclusivamente estetica. Se in acrilico possono essere lasciate con la finitura originale.

 

Devi ristrutturare casa?

Calcola il tuo preventivo gratuitamente