Mutui, prestiti e finanziamenti per la ristrutturazione della tua casa

La ristrutturazione di una casa richiede una serie di valutazioni preliminari e un’attenta pianificazione del budget. Bisogna valutare l’investimento per richiedere un mutuo, un prestito o un finanziamento utile a coprire completamente le spese di ristrutturazione.

I mutui per ristrutturare casa hanno lo scopo di finanziare esclusivamente l’ammodernamento di un immobile. In questa tipologia di finanziamento rientrano anche i lavori di efficientamento energetico, i quali prevedono solitamente ulteriori agevolazioni.

Ricordiamo che gli importi correlati alle ristrutturazioni beneficiano del Bonus fiscale del 50% sulle detrazioni Irpef. Ti consigliamo di leggere la nostra sezione “Agevolazioni” dove potrai trovare tutte le informazioni necessarie.

Differenze tra mutuo e prestito

La differenza di base tra un mutuo e un prestito sta neitempi di restituzione del capitale prestato dall’ente erogatore.

Il mutuo, che è un finanziamento di lungo periodo, prevede l’erogazione di cifre più alte rispetto ai prestiti.

Inoltre per stipulare un mutuo per la ristrutturazione bisogna mettere in conto le spese di un perito, le spese notarili e il costo di un’assicurazione obbligatoria scoppio/incendio per l’importo richiesto.

I prestiti di solito prevedono un processo burocratico più snello.

Dalla richiesta di prestito all’erogazione possono bastare 24 ore. Nei casi più complessi il prestito verrà erogato entro 15 giorni dalla richiesta. Le garanzie richieste per un prestito sono di solito minori rispetto ai mutui.

Questo accade perché le cifre richieste per un mutuo sono di solito più alte.

I prestiti vengono erogati in un’unica soluzione. I mutui invece hanno diverse modalità di erogazione:

1. In un’unica soluzione

2. con SAL (stato avanzamento lavori) che prevede una serie di tranches erogate dalla banca a seguito di una perizia sullo stato di avanzamento dei lavori.

I tassi finanziari da valutare

TAN – tasso di interesse puro

Il TAN è l’interesse annuo calcolato sul prestito. Si tratta della somma in più che va riconosciuta all’ente erogatore al termine dell’anno maturata sull’importo erogato. In caso di rimborso rateale il Tan andrà calcolato come “mensile”. Ad esempio: Tan 20% annuale significa che si pagherà in realtà il 22% di interessi in conseguenza della rateizzazione mensile. Questa è la forma più utilizzata di TAN.

TAEG – Indice sintetico di costo

Il Taeg è il tasso annuo effettivo globale che determina il costo effettivo del mutuo in percentuale. Nel TAEG sono comprese tutte le spese obbligatorie sostenute per la stipula del contratto.
Prima di stipulare un mutuo, un prestito o un finanziamento valuta bene gli indicatori finanziari Tan e Taeg. Fatti consigliare dai nostri esperti.

Istituti di credito con i migliori servizi finanziari

Banca Unicredit

Unicredit con l’opzione CreditExpress Rinnova eroga finanziamenti fino a 100000€ a tan del 6,5% e taeg 7,01% per la ristrutturazione casa.

Scopri di più

Mutui Bancoposta

Puoi richiedere un mutuo estinguibile fino a 30 anni con tassi d’interesse fisso, variabile o misto/rivedibile. Ti basta recarti in un ufficio postale e farti presentare la migliore soluzione in base alle tue esigenze.

Scopri di più

Mutuo Intesa San Paolo

Con Intesa San Paolo puoi richiedere mutui per la ristrutturazione anche oltre 100000€, restituibili fino a 30 anni. Puoi scegliere un tasso fisso oppure un tasso variabile.

Scopri di più</