Quando si entra nel favoloso mondo dell’interior design, gran parte dei consumatori va in crisi. E’ semplice essere originali fino a che si tratta di zona giorno o camera da letto, ma non appena siamo chiamati a confrontarci con l’arredo bagno le cose si complicano in modo radicale!

Questo accade perché la stanza da bagno, generalmente, ci offre meno soluzioni esperenziali nella visione dello spazio. Considerata la specifica destinazione d’uso, infatti, alcune aree sono occupate dai sanitari e dai sussidi per l’igiene personale come vasca o doccia, limitando all’osso la possibilità di giocare con un mobilio d’impatto.

In realtà, è proprio nel momento in cui le cose si fanno difficili che il mestiere dell’arredare diviene il più divertente del mondo! Dai libero sfogo alla fantasia e mettiti in discussione, vedrai che non ti troverai poi così male. Oggi ti forniremo dei magici spunti per stupire e orientare i tuoi acquisti, quando si desidera personalizzare questo ambiente.

Anche la creatività ha le sue regole: alcune dritte

Vista di un doppio lavello da bagno nero e rosso su piano in marmo con al di sopra specchi a padella con attacchi a parete in ottoneUna delle migliori delle leve, in grado di condizionare le scelte di consumo, è l’emozione che un dato prodotto riesce a suscitare in noi. Non siamo più nel campo della razionalità del prezzo o delle mode del momento: la variabile impazzita è di tipo sensibile.

Questo implica che selezioniamo gli oggetti d’impulso, compriamo per il piacere di farlo, senza alcun criterio. Il rischio, però, è quello di generare un ambiente in cui convivono elementi che non stanno bene insieme, come se fossero un cosidetto “pugno nell’occhio”.

Bada bene, salvarsi da tutto questo è semplice: basta capire, in primis, quale funzione ricopre il tuo spazio. Padronale o di servizio, ogni bagno vuole la sua specifica interpretazione. Segui le cose che ti piacciono ma tieni conto delle caratteristiche architettoniche e delle planimetrie cercando, qualora fosse possibile, di adeguare questa stanza alle altre della casa. Tutto creerà una visione omogenea e ti rappresenterà al meglio.

Altra dritta è quella di scegliere a priori uno stile da declinare. Classico, moderno, minimal non importa, ciò che conta è esserne consapevole per non creare contrasti evidenti. Più le tue idee saranno chiare e più il risultato sarà vicino alla perfezione. La valutazione stilistica, inoltre, andrebbe fatta ben prima di cimentarsi con opere murarie e impianti, dunque in fase di progettazione.

In ultimo, non dimenticarti che, oltre alla piacevolezza estetica, questo ambiente deve essere pratico e funzionale, per muoverti agevolmente al suo interno, senza rinunciare al comfort.

5 idee per il tuo arredo bagno originale

Il focus di oggi è su personalizzazione e creatività, quindi se vuoi sorprendere i tuoi ospiti lasciati ispirare da queste piccole chicche tutte da copiare. Presta molta attenzione ai dettagli e ricorda che non c’è niente di meglio di uno spazio in grado di farti sentire davvero a casa. Di seguito ti proponiamo delle linee guida per poter realizzare il tuo bagno dei sogni, a partire dalla prima scelta da fare.

1. Azzardi cromatici per pavimenti e rivestimenti

Vista di un lavello da bagno bianco davanti ad una parete rivestita con piastrelle multicolore che vanno dall'azzurro al giallo fino al rosaIl primo step da tenere in considerazione può essere riassunto in una sola parola: colore. Si tratta dell’elemento principe, quello che andrà a influenzare l’atmosfera dell’ambiente, nonché la sensazione percepita all’interno dello spazio.

Nella scelta delle cromie è fondamentale tener conto della metratura che si ha a disposizione e il modo in cui filtra la luce naturale. In condizioni di penombra, infatti, utilizzare le tinte scure non è mai una buona idea. In quel caso suggeriamo di lasciare gran parte della parete “nuda”, ossia, di privarla del rivestimento utilizzando vernici idrorepellenti.

Per valorizzare il bagno in modo originale un buono spunto è recuperare delle ceramiche d’autore o customizzabili. Un’unica parete, vestita di piastrelle appositamente realizzate, creerà un punto focale fascinoso e irresistibile. Sarà impossibile non adorarlo!

Tra le soluzioni più all’avanguardia ci sono i pattern con texture effetto 3d. Un modo innovativo per restituire quella percezione di dinamismo all’interno di una stanza statica. Per ricreare questo gioco “vibrante” puoi scegliere composizioni che presentano già un rilievo oppure realizzare effetti in fase di posa. Le recenti tecniche di montaggio, infatti, ci permettono di costruire sovrapposizioni interessanti facilmente.

Da non escludere, di contro, l’effetto optical stile sixty: il bianco e nero, formato scacchi, sta tornando in voga. Il motivo è presto detto: questa tipologia di rivestimento ci permette di lavorare sull’ampiezza e, con le opportune accortezze, sarà semplice far sembrare la stanza più grande e profonda.

2. Impara l’arte e… mettila in bagno!

Vista di un lavello da bagno su mobile rosso con grande specchio rotondo sopra su parete decorata con disegni floreali Una volta ultimati i lavori di muratura e i vari impianti puoi dedicarti all’arredamento, liberando il creativo che è in te! Tutti i complementi che selezionerai per il bagno, però, dovranno aggiungere valore, senza intaccarne le funzioni.

Una cosa a cui quasi nessuno pensa è la possibilità di portare l’arte anche in questa stanza così intima. I quadri, difatti, stanno benissimo in questa zona, perché ci permettono di aggiungere vita e colore, senza agire sullo spazio calpestabile.

Che sia una vera e propria opera o una tela poco importa, quello che conta è trovare un posizionamento strategico, scegliendo la porzione di parete più adatta. Ricordatati che, se hai già utilizzato una carta da parati ricca e decorata, i quadri potrebbero risultare quel surplus che rovina tutto, rendendolo kitsch.

Da non escludere anche la possibilità di scrivere qualcosa sulla superficie o far dipingere uno scenario direttamente sulle mura. L’effetto sarà davvero unico e personale.

3. Sorridi allo specchio

Vista in diagonale di uno specchio da bagno incorniciato con lampade classiche a muro Lo specchio è un elemento immancabile in un bagno che si rispetti e troppo spesso viene sottovalutato. Non sempre le proposte che si trovano in commercio, per quanto studiate, calzano a pennello per le esigenze di un compratore.

Se il tuo budget lo consente, infatti, potresti pensare a qualcosa di insolito che non sia solo praticità, ma anche un ulteriore appiglio per richiamare lo stile scelto.

In un bagno classico, ad esempio, un’idea creativa è quella di sfruttare vecchie cornici barocche, che richiamino alla mente tutta la poesia di un tempo lontano. Puoi rivolgerti anche a un artigiano in grado di ricreare quell’atmosfera usurata che non guasta.

Lo specchio è uno strumento perfetto, inoltre, per creare volume. Una grande lastra riflettente, posizionata sul lavabo, avrà il potere di amplificare luminosità e profondità.

Se hai un bagno piccolo non preoccuparti: devi solo pensare bene a come organizzare il tutto. In questo caso lo specchio potrebbe fungere da armadietto, di modo da rendere possibile il connubio tra piacevolezza e praticità.

Per gli amanti del minimalismo, un’ottima scelta è lo specchio senza cornice, dove gli angoli sembrano terminare direttamente sulla parete, in una sorta di piano infinito. Per renderlo più particolare, però, è possibile servirsi di stickers adesivi con frasi motivazionali, per iniziare la giornata con un sorriso.

4. Accendi la luce

Vista di un doppio lavello da bagno su mobiletto in legno con tripli specchi e faretti a muro per illuminareQuante volte abbiamo sottostimato l’importanza dell’illuminazione artificiale? L’era del’unico punto luce centralizzato è giunta al tramonto. Grazie agli espedienti più moderni possiamo rendere l’illuminazione degli ambienti un ulteriore complemento d’arredo.

Per quanto riguarda le tipologie tradizionali, occorrerebbero almeno due fonti luminose nella zona bagno:

  • quella diretta è orientabile, ed è ideale per le donne che amano truccarsi o per gli uomini che vogliono radersi con precisione;
  • quella indiretta invece è statica e avvolge l’intero ambiente.

Nei bagni piccoli, o in quelli sprovvisti di finestre, un buon progetto illuminotecnico ti farà dimenticare ogni mancanza. La luce diviene l’alleato ideale per retroilluminare gli stipiti dei mobili, le nicchie nei muri, gli angoli ciechi.

Con la tecnologia led, facile da installare, è possibile creare delle vere e proprie bande luminose per decorare rivestimenti e complementi. Una luce delicata e soffusa creerà un colpo d’occhio senza pari.

Tra le soluzioni, una buona idea è l’illuminazione indipendente per risparmiare energia nella distanza che separa bagno e anti bagno, di mondo da premere l’interruttore solo quando serve davvero.

Per ottenere un effetto scenografico d’impatto, puoi utilizzare la cromoterapia emozionale nella doccia, ideale dopo una giornata stancante. Anche in questo caso è possibile dotarsi di un apparato luci autonomo rispetto al resto della stanza.

5. Non sottovalutare i tessili

Vista di un lavello con specchio ovale e di fronte un porta saponi in ottone con fiorieraUn modo per modernizzare la tua stanza da bagno senza spendere cifre da capogiro è quello di andare ad agire sul comparto tessili. Troppo spesso si compiono decisioni d’impulso acquistando di getto tappetini, asciugamani, tende, per il gusto di completare il lavoro il prima possibile.

In realtà questi piccoli dettagli possono fare la differenza, modificando l’asset cromatico iniziale o rafforzandolo ulteriormente. Tenendo presente la ruota dei colori, anche nella scelta dei complementi il ragionamento deve essere lungimirante. Valuta bene l’effetto simultaneo delle tinte sullo sguardo e sull’ambiente.

Ad esempio: se il rivestimento del tuo bagno tende al nero, abbinarlo con il bianco lo renderà retrò, ma di classe. Lo stesso nero, combinato con il verde acido invece, renderà l’atmosfera frizzante e giovane.

Sulla stessa linea, utilizzare asciugamani blu su un arreddo bagno bianco richiamerà alla mente un’atmosfera marina da casa vacanza, il bianco con il lilla, di contro, farà pensare allo stile provenzale. Puoi notare subito quanto sia interessante il cambiamento che produce un semplice spostamento di nuance!

Le tende sono ciò che più può alterare l’impatto creativo e quindi bene optare per la qualità. Si tratta di una finitura di pregio di grande valore. Un bagno anonimo prenderà subito vita con tendaggi dai pattern originali, come i motivi geometrici o floreali a seconda dello stile definito in partenza.

Il tessuto può essere utilizzato anche come anta o ripostiglio: è pratico per coprire scaffalature o rientranze nel muro, da cui ricavare ulteriore spazio.

Per i tappeti, invece, oltre alla colorazione ha vitale importanza la dimensione. Una stanza già piccola sembrerà minuscola con una stuoia troppo ampia. Gioca con le forme più strane: cerchi, rombi, farfalle o pesciolini… In commercio puoi trovare davvero qualsiasi cosa e, se vuoi davvero distinguerti, perché non punti sulla personalizzazione? Crea qualcosa che sia solo tuo, esci dagli schemi e soprattutto divertiti: è questa la chiave per accendere la creatività.

Leave a Reply