Quante volte ti sarà capitato di ascoltare frasi come: “La mia casa è stata edificata da poco ma è davvero fredda e umida!” oppure “L’impianto elettrico è andato in corto all’improvviso”?

La motivazione di queste problematiche, piuttosto comuni, risiede nella scelta dei materiali isolanti in fase di costruzione.

È difficile distinguere i buoni dai cattivi coibenti se non si è esperti nel settore, ma oggi ti proponiamo alcune dritte per capirne le funzionalità e sceglierli in tutta sicurezza.

Materiali Isolanti: un approfondimento

Foto di vari tipi di materiali isolanti espostiI materiali isolanti riguardano direttamente la questione delle prestazioni energetiche di un edificio. Si rivelano, dunque, un grande alleato sia per il consumatore modello attento al risparmio, sia per le persone che, dopo tanto lavoro e pazienza, vogliono godersi i comfort della loro abitazione in tranquillità.

Lo scopo dei materiali isolanti è quello di creare una protezione per qualsiasi elemento strutturale dell’abitazione. La copertura, il solaio e le pareti perimetrali che ci separano dall’esterno e quelle interne godranno di una ottimizzazione delle prestazioni, contro la dissipazione del calore o dell’energia sonora.

Per individuare l’isolante congeniale è necessario considerare qualsiasi peculiarità tecnica della struttura e, idealmente, tutto ciò che si desidera ottenere da essa.

Qualsiasi materiale, infatti, possiede per natura alcune proprietà e modalità d’impiego. Non esiste un isolante universale da utilizzare per qualsiasi evenienza. Di seguito andremo ad elencare tutte le varianti del caso, prestando attenzione ai dettagli in relazione a problemi strutturali specifici.

Materiali Isolanti: tipologie e modalità d’impiego

Nel campo edile, convenzionalmente, i materiali funzionali all’isolamento si distinguono in base al loro scopo. Ad esempio: proteggono dal caldo, dal freddo o dal rumore. Impediscono, quindi, il trasferimento di energia termica, elettrica e sonora. Quando sei chiamato ad effettuare una scelta, ricordati che altre caratteristiche determinanti riguardano anche l’impermeabilità, l’impatto ecologico, la resistenza alla dispersione del vapore acqueo e il prezzo.

Ecco le differenze tra le tipologie da considerare:

  1. Materiali Isolanti Termici
  2. Materiali Isolanti Elettrici
  3. Materiali Isolanti Acustici.

Isolamento Termico

Vista di piastrelle colorate isolante installate su un muro a mosaicoGli isolanti termici si caratterizzano in base alla loro capacità di minimizzare la circolazione di energia quando due corpi entrano in contatto tra loro, anche a temperature differenti. Vediamo insieme quali sono i materiali e le modalità di utilizzo.

Materiali

I materiali adeguati all’isolamento si distinguono in base alla loro composizione. Tra le possibilità isolanti troviamo:

  • Isolanti vegetali – Sono composti organici come fibra di cellulosa, fibra di legno mineralizzata o meno, cannuccia di palude o arella, fibre di mais, cocco, canapa, lino o cotone;
  • Isolanti animali – Sono una sorta di materassino, realizzato a partire da piume o peli di origine animale. I più noti sono quelli in lana di pecora o quelli in piume di volatili da allevamento;
  • Isolanti minerali – Si tratta di materiali inorganici presenti in natura come argilla espansa, pomice, lana di roccia, calcio silicato, lana di vetro. Si estraggono dal sottosuolo grazie alle attività in miniera;
  • Isolanti sintetici – Si ottengono grazie a processi di lavorazione industriale. Rientrano nella categoria il polistirolo o il poliuretano espanso in schiuma.

Tipologie di Lavori

Per isolare termicamente una parete possiamo effettuare tre tipologie di lavori:

 

  • Isolamento interno – È la tecnica con cui andiamo a controllare la conducibilità termica della parete, rivestendola con coibenti;
  • Isolamento a intercapedine – Attuando una segmentazione in parti uguali della parete, inseriamo al suo interno un materiale isolante;
  • Isolamento a cappotto – Famoso anche come “cappotto termico” è un vero e proprio soprabito che andiamo a posizionare sulle mura esterne dell’abitazione. Una volta posizionati i pannelli all’esterno delle pareti, questi vengono ricoperti da una rete in fibra di vetro e da uno strato di intonaco specifico.

Isolamento elettrico

Vista dell'interno di un fascio di cavi della corrente con fili di rame in vistaIn un campo elettrico i materiali isolanti vanno a separare gli elementi che posseggono una tensione diversa per impedire il passaggio di elettricità, affinché esso non si propaghi all’esterno dei luoghi in cui è chiamato a svolgere la sua funzione.

Se per la buona conduzione del calore andiamo ad utilizzare tutti i metalli, per quanto riguarda l’isolamento esistono sia isolanti liquidi (per gli impianti industriali) che solidi (ideali per la tua casa).

Tra i solidi rientrano la porcellana, la mica (molto costosa), i polimeri, polietilene, vetro (pyrex) e talvolta anche una carta specifica, che va sempre controllata a causa della sua facile infiammabilità.

Nell’impianto elettrico a norma di legge rientrano: i cavi con cui si trasporta la corrente, le canaline in cui inserire i cavi, i connettori tra i vari elementi, il nastro isolante in caso di fili scoperti e tutte le prese, pulsanti o interruttori con cui attivi i tuoi impianti quotidianamente.

Isolamento acustico

L’isolamento acustico è il fattore che ci permette di impedire o ridurre la propagazione dell’energia sonora tra due ambienti. Il principio da considerare è il rapporto tra la frequenza dell’onda sonora e la massa della parete da attraversare.

Per isolare i tuoi pavimenti, le pareti o i soffitti, puoi avvalerti di due pratiche soluzioni:

  • Pannelli fonoassorbenti – Vanno a limitare l’impatto del suono sulla parete, trasformando suono in calore. Possono essere ideali il cartongesso, il sughero, il polistirolo o la lana di vetro;
  • Fonoisolanti – Hanno un loro peso specifico e vanno ad interrompere la propagazione del suono. Tra i più comuni ci sono la gomma e il piombo (molto pesante).

Per un corretto isolamento della tua casa dovresti utilizzare entrambe le soluzioni in modo integrato. Solo così potrai ottenere un risultato perfetto!

 

Leave a Reply